Testa di Peitagù (m. 1815) – Monte Corso del Cavallo cima Est (m. 2039) da Aisone

Da Borgo S. Dalmazzo si risale la Valle Stura fino ad Aisone (m. 834), dove si lascia la macchina. Dal parcheggio all’inizio del paese, sotto il Municipio, si avanza in direzione del centro, fino a incrociare una palina che indica sulla destra il sentiero P64b, che si segue su ripidi tornanti, segnalato con abbondanti tacche bianche e rosse. A m. 1o49 si raggiunge i Casali Ciancamentes, in rovina, ormai invasi da una fitta vegetazione, da dove seguendo le indicazioni si prosegue sulla destra con percorso ripido che si inoltra in una gola rocciosa.

Testa di Peitagù

Si entra successivamente in una bella faggeta dove a quota m. 1466, si raggiungono i resti dei Ciabot Casalot. Quindi il sentiero sempre ben contrassegnato, si eleva con ampio semicerchio sulla dorsale fino a raggiungere il crinale dove si trova un bivio (m.1585): a sinistra la Testa di Peitagù, il Monte Corso del Cavallo e l’anello per Aisone, mentre a destra le Punte Chiavardine e Demonte.

Materassi 012Si prosegue quindi a sinistra dove oltrepassato il bosco di faggi, si perviene ad una radura, posta in un piccolo avallamento da dove e’ ben visibile la testa di Peitagù. Ci si direziona sulla sinistra seguendo ometti e tacche bianche e rosse, portandosi alla base della testa, dove ci attende una ripida salita.

Al centro la Testa di Peitagù

Al centro la Testa di Peitagù (m. 1815)

Dalla Testa di Peitagù, ad ovest sono visibili in lontananza le inconfondibili forme del Corborant e del Becco Alto d’Ischiator, mentre sullo spartiacque tra la Valle Stura e il Vallone secondario dell’Arma si osserva la radura pascoliva del Pra ‘d Giacu e le due cime del Corso del Cavallo. Nella stessa direzione, a circa 300 metri dalla cima, una palina ci indica il sentiero di discesa ad anello su Aisone, che utilizzeremo per il  ritorno. Il ns. percorso però, continua ancora per circa un’ora, fino a raggiungere su traccia sempre evidente e senza difficoltà la cima est del Monte Corso del Cavallo.

Per il ritorno ad Aisone si ripercorre a ritroso il percorso fino alla palina del sentiero P64, sul lato destro dello spartiacque. Proprio da questo punto inizia un ripido sentiero tra arbusti e pini.

2013 Monte Corso del Cavallo Est 038

Il percorso prosegue, segnalato da tacche e paletti in legno con bordature bianco e rosse, attraversa una radura tra larici quindi ad un ometto solitario piegare decisamente a destra (la deviazione e’ poco evidente), per scendere fino alle due borgate di Grangette (m .1457).

Il sentiero scende con decisa pendenza andando a immettersi in un’aspra gola rocciosa, su mulattiera spesso arditamente costruita con pietrame a secco (a metà del percorso, una parte di un paio di metri franato della cengia, richiede qualche cautela per attraversarla). Quindi il sentiero attraversa un bosco perdendo velocemente dislivello, fino ad arrivare ad un bivio abbondantemente segnalato, proseguendo diritto si raggiungerebbero le Borgate di Castellar delle Vigne e quindi Vinadio, mentre scendendo sulla sinistra, verso il fondo valle si arriva in pochi minuti alla Borgata Piron (m. 1028) e successivamente su comoda strada sterrata, ad Aisone.

Questa voce è stata pubblicata in Valle Stura di Demonte e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...