Testa del Rutor (m. 3486) dal Rifugio Deffeyes [30 giugno 2012]

Davanti al rifugio parte il sentiero, che prima perde quota, quindi gradatamente la riprende con un lungo traverso che costeggia il lago in alto, alla sua sinistra. Al bivio che si incontra (palina indicatrice), si continua a sinistra, seguendo il sentiero, passando inizialmente sopra alla parte iniziale del ghiacciaio. Salendo, in alcuni tratti soprattutto al chiaro delle torce e con la presenza di neve, i passaggi possono essere poco evidenti. E’ quindi necessario, prestare attenzione alla presenza di ometti che ne indicano la direzione.
La via classica di salita alla Testa, prevedeva un percorso su roccia sulla destra orografica del ghiacciaio, che permetteva di evitare buona parte del ghiacciaio nella sua parte piu’ crepacciata. Il ritirarsi del ghiacciaio ha compromesso la possibilità di utilizzare questo tracciato.

Il tormentato ghiacciaio del Rutor, sulla destra le Vedette del Rutor e in centro la Testa del Rutor.

Il tormentato ghiacciaio del Rutor, sulla destra le Vedette del Rutor e in centro la Testa del Rutor.

E’ quindi consigliato un percorso alternativo, che obbliga a calzare i ramponi e legarsi molto presto. Si dovrà infatti prestare attenzione durante la salita, in basso a pochi metri dal sentiero, ad un paletto di plastica conficcato tra le rocce. E’ il punto migliore per portarsi sul ghiacciaio, scendendo alla meglio tra gli sfasciumi della morena.
La prima parte del pendio è più ripido, si passa quindi in prossimità di seracchi, che superiamo sulla destra deviando successivamente leggermente a sinistra.
Ora il pendio e’ gradatamente meno impegnativo. Da qui non è possibile vedere la nostra meta, pertanto puntiamo ad un intaglio sulla dorsale di fronte a noi. Siamo ormai in vista della Testa, che raggiungeremo tagliando un vasto pianoro

L'ultima parte del Ghiacciaio sullo sfondo la caratteristica sagoma della Testa del Rutor.

L’ultima parte del Ghiacciaio sullo sfondo la caratteristica sagoma della Testa del Rutor.

e risalendo un pendio più ripido in direzione dei ruderi della Capanna Deffeyes, dove ci ricongiungiamo al percorso di salita dal Rifugio Scavarda. Si procede quindi verso destra per la facile via di cresta fino alla Cima (m. 3486) dove si trovano un segnale trigonometrico dell’I.G.M. e la statua della Madonna.

L'ultima parte del percorso di cresta visto dalla Vetta

L’ultima parte del percorso di cresta visto dalla Vetta

2012 Testa del Rutor 066

La Madonnina in cima

La Madonnina in cima

Questa voce è stata pubblicata in Alpi Graie e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...